Viaggio in Lapponia (inverno): un sogno bianco

libro racconti dal grande nord copertina miniatura

Il diario del viaggio in Lapponia, Finlandia, è uno dei capitoli del mio libro “RACCONTI DAL GRANDE NORD, viaggio alle alte latitudini


Vai al racconto di viaggio


Mi sono immerso in un sogno. Bianco e silenzioso. Dopo che viaggi in oltre cinquanta Paesi del mondo, credi di avere visto i luoghi più affascinanti del pianeta, da deserti a montagne, da oceani a vulcani, da savane a giungle tropicali. Nel grande nord hai già scorrazzato dalla Groenlandia alla Kamchatka, dall’Islanda alla Scandinavia. Poi ti ritrovi qui, tra colline completamente avvolte dal ghiaccio, dove il bianco è l’unico colore, che ha nascosto la foresta ai tuoi occhi. Il paesaggio forse più irreale che abbia mai incontrato. Sembra di entrare in un cartone animato, in un film fantasy, dove tutto è possibile. Invece è realtà. Un mondo sconosciuto, perché fuori dalle mete del turismo classico, e soprattutto perché per raggiungerlo devi camminare tutto il giorno nel freddo polare che ti morde la pelle. Il respiro si ghiaccia sul bavero e il vento ti arrossa il viso.
Sulle colline della Lapponia c’è un luccichio che riverbera tra gli abeti, come fosse una strana neve che cade anche con il sole. Sono microscopiche gocce di umidità che condensano e scintillano, sospese nell’aria. Congelate e spinte dal vento, si attaccano agni tronco e a ogni ramo, ora dopo ora, giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, fino a diventare tonnellate di ghiaccio che trasformano gli alberi in statue. Hanno forme a volte bizzarre, di creature o mostri, e fanno nascere leggende di troll che abitano l’inverno artico.
Quest’anno sono arrivato preparato. Mi sono allenato in montagna e con corse massacranti in salita alla montagnetta di Milano. Sono partito sprizzando energia. Passeggiare tutto il giorno tra queste colline, sprofondando nella neve fresca e senza fare alcuna fatica, trasforma il viaggio in pura felicità. Cammini attraverso arcobaleni, luci splendenti e a volte soffuse, immerso nel bianco più bianco che hai visto. Fai fatica a credere ai tuoi occhi. E quando la sera, sopra alla baita ai margini del lago gelato, l’aurora boreale illumina tutto il cielo da est a ovest, il sogno diventa magia.
L’ultimo giorno, dopo cena, rimani a fissare la mappa stesa sul tavolo. Il viaggio è finito, non c’è un’altra linea da tracciare per il cammino di domani. La neve e il bianco ti hanno conquistato, portato in una dimensione di pace interiore che non vorresti più mollare. Vai verso l’aeroporto e provi subito nostalgia. Ma sai già che ci tornerai.

Organizzazione del viaggio in Lapponia

Una settimana di trekking tra le colline del parco di Pallas-Yllästunturi, con racchette da neve (ciaspole) e guida locale.

Volo su Kittila, l’aeroporto più vicino al parco di Pallas. Consiglio di organizzare il viaggio con un’agenzia locale, che può fornire una logistica eccezionale a costi minori di agenzie viaggi straniere: hanno i loro rifugi di proprietà, oppure ne affittano dove serve, in posizioni superbe in genere sulle rive dei laghi ghiacciati. Si può viaggiare con racchette da neve oppure con sci da fondo. Nel primo caso il trekking passa sulle colline tra i “tykky” (alberi coperti di galaverna) con panorami aperti sulla Lapponia e i laghi gelati. Con gli sci da fondo si rimane più in basso e si coprono distanze maggiori, un viaggio quasi più sportivo che paesaggistico.

Con le ciaspole si cammina circa 15 km al giorno, che in neve fresca (anche con le ciaspole si affonda spesso) e un po’ di dislivello impegnano più che una semplice camminata. È meglio quindi arrivare ben allenati, anche perché fare trekking con temperature polari è più faticoso.

In genere i vari cottage sono spartani ma hanno sempre una “casetta sauna”, molto basilare ma di grande soddisfazione dopo una giornata a camminare tra la neve (e spesso vento, gelido!).

Quando andare in Lapponia con le racchette da neve

Il periodo migliore è verso fine febbraio, quando la galaverna ha già coperto tutto di ghiaccio.

Inizio marzo è ancora una buona stagione, ma aumenta il rischio che gli dagli alberi sia già caduta la loro glassa bianca. Al primo caldo, in un solo giorno o in una sola notte il paesaggio può cambiare completamente.

A gennaio invece le ore di luce sono molte di meno, quindi si avrebbe meno tempo per sfruttare la giornata, e la copertura di galaverna potrebbe essere un po’ minore.

Sconsiglio il periodo invernale di dicembre e inizio gennaio in quanto ancora avvolto nella notte polare (oltre il circolo polare) e negli ultimi anni c’è stato anche il rischio di trovare poca neve per l’arrivo tardivo delle perturbazioni.

Clicca qui per come vestirsi in inverno in Lapponia.

Clicca qui per il resoconto della spedizione invenale in Lapponia con tenda e pulka in Oulanka.

One comment on “Viaggio in Lapponia (inverno): un sogno bianco

  1. Complimenti per l’articolo e il viaggio, e anche per le fotografie spettacolari. Mi sto chiedendo l’allenamento necessario per affrontare le camminate in mezzo alla neve, e il grado di sopportazione per freddo richiesto. Dove hai acquistato il materiale tecnico?
    Servono ciaspole specifiche per l’artico oppure vanno bene quelle normali da alpinismo?

    Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.