Libro di viaggio in Canada

libro di viaggio in canada

Il mio libro di viaggio sul grande nord. Oltre alla Canada, ultimo capitolo del libro, ho viaggiato in Groenlandia, Islanda, Isole Faroe, Scozia, Lapponia e Siberia (Kamchatka).

Il Canada è il secondo paese più grande al mondo. Ha oltre dieci stati e territori, si estende dall’Oceano Atlantico all’Oceano Pacifico e al Mare Glaciale Artico e conta due milioni di laghi. Gli abitanti però sono tutti concentrati a sud. Nel nord, resistono solo piccoli villaggi scollegati non solo dal mondo ma dal Canada stesso.

Ci sono diversi itinerari turistici, da est a ovest. La zona più battuta sono le Rocky Mountains, con i parchi di Banff e Jasper, dove laghetti blu sono incastonati tra montagne maestose. Bisogna però fare i conti con un turismo di massa sempre più crescente, con il dovere prenotare le varie tappe del viaggio con molto anticipo, e con l’arduo compito di riuscire a trovare degli angoli tutti per sé.

Per questo motivo, il mio sogno di viaggio in Canada era rappresentato da una regione molto più isolata, cioè la strada che dallo Yukon corre verso nord, attraversando i Territori del Nord Ovest, superando il Circolo Polare, e più su fino al Mare Glaciale Artico: la Dempster Highway. È una lunga galoppata in una foresta che sembra non avere confini. Costeggia laghi, ogni tanto si avvicina ad alcune catene montuose, da dove scendono ghiacciai scintillanti e fiumi impetuosi. Un orso, un alce o un bisonte attraversano la strada davanti a te. Continui a guidare. Il cambiamento è lento e progressivo. La temperatura, giorno dopo  giorno, continua a scendere. Gli abeti non sono più così alti verso il cielo. Diventano via via più piccoli, fino ad assumere l’altezza di una persona. Vento e nuvole irrompono nella scena. Dove la taiga degrada in tundra, il permafrost luccica fino all’orizzonte, bagnato da un temporale o incorniciato da un arcobaleno. La Dempster Highway prosegue attraverso i Territori del Nord Ovest, fino a che strada incontra il mare. È una strada sterrata costruita sopra al permafrost, con buche e sassolini affilati come coltelli che a volte mettono alla prova i mezzi più moderni. I ponti sui fiumi, proprio per via del permafrost, non ci sono, così li si traversa in traghetto. Sebbene ci siano alcuni luoghi in teoria “da visitare”, come il Tombstone National Park e le Richardson Mountains, dove la taiga diventa tundra e la vista spazia su orizzonti lontanissimi, la Demspter Highway riserva sorprese in ogni momento, al punto che il viaggio di ritorno sembra quasi percorrere un itinerario diverso.

Il viaggio sulla Dempster Highway in Canada è uno dei capitoli del mio libro “Racconti da Grande Nord. Viaggio alle alte latitudini”. Non è una guida di viaggio, ma può dare spunti per un itinerario di viaggio nel nord del Paese.

Il libro è edito dalla casa editrice Polaris: https://www.polariseditore.it/prodotto/racconti-dal-grande-nord/

Canada: Libri e guide di viaggio

Tra i libri di narrativa di viaggio sul Canada:

L’uomo del polo, di Jan Welzl: un libro storico, la vita di un esploratore che passò la sua vita peregrinando nel grande nord, all’inizio del secolo scorso. Non è un libro di viaggio in senso lato, ma racconta vicissitudini al limite dell’incredibile in quelle terre del nord ai tempi ancora semisconosciute, dove pochi avventurieri andavano in esplorazione. Il suo racconto parte in realtà dalla Siberia, da dove poi l’autore si è mosso verso i territori dell’Alaska e del Canada.

Dancing nord, di Antonio Rinaldi: la storia dal set di un film girato tra gli Inuit in Canada. Un libro curioso, di un autore che prende spunto dal set di un film che racconta la vita degli inuit per parlarne a sua volta in questo volume. Approfondisce gli aspetti della vita nell’estremo nord del Canada, mettendo in luce i contrasti e le contraddizioni che si creano quando l’uomo bianco si è avvicinato alle popolazioni locali.

Gelo, di Bill Streever: in realtà l’autore di questo libro è statunitense. Un biologo che vive in Alaska e che racconta alcuni divertenti aneddoti sulla vita a temperature molto basse. A dispetto di quello che si potrebbe immaginare dal titolo, il libro, più che un’avventura personale, è un parte scientifico e parte un racconto di diverse storie più o meno recenti.

Nel grande nord in bicicletta, di Obes Grandini: per gli amanti della bicicletta, il diario di un viaggio tenace, accanito, durato diversi mesi nei quali l’autore attraversa l’America seetentrionale, dal Canada all’Alaska. Una pedalata tra natura selvaggia e orsi.

Un dollaro mille chilometri, di Dominique Lapierre: libro ambientato nel 1949, un giovane viaggiatore si prefigge l’arduo compito di partire con un venticinque dollari e girovaga per messico e stati uniti, fino al Canada, con circa un dollaro per ogni mille chilometri. Un libro che è un vero viaggio “on the road”, di tante storie, vicissitudini e personaggi che incontra lungo la sua strada.

libro di viaggio in canada

8 comments on “Libro di viaggio in Canada

  1. Tra i libri di viaggio sul Canada, sto cercando qualcosa che racconti itinerari sconosciuti, tra diario e descrizione della vita inuit. Questo libro può fare il caso mio?

    Saluti,
    Giò

    1. Ciao, l’itinerario che racconto nel libro, tra Yukon e Territori di Nord Ovest è molto poco battuto anche se non proprio sconosciuto (come magari il Nunavut). È un itinerario che posso consigliare in quanto parecchio selvaggio e bello da vivere alla giornata. Sulla descrizione della vita Inuit mi sono limitato a qualche accenno, se vuoi qualcosa di molto specifico devi cercare un libro che racconti la loro cultura e le loro storie, c’è qualche titolo interessante!

  2. Non avevo mai neanche sentito parlare della dempster highway (pensando al Canada, pensavo bel altri itinerari di viaggio), poi ho scovato questo libro e giuro, ci voglio andare il prima possibile. Il racconto mi ha messo le ali ai piedi. E negli altri paesi citati nel libro, ce se sono un po’ che iniziano a stuzzicarmi.

    1. Eh sì, la Dempster Highway è un itinerario che ho scovato anche io un po’ per caso, e l’ho tenuto in caldo per vari anni, poi è anche andato oltre ogni aspettativa. Una regione del Canada che nessuno visita e non ci si spiega il perchè!

  3. Ho letto il libro che mi ha subito riportato alla memoria il mio viaggio on the road in Canada di tre anni fa. Complimenti, è ben scritto, anche gli altri capitoli dei paesi del grande nord.
    Precedentemente ho viaggiato anche nel Canada orientale, ma il mio sogno rimane il Nunavut, per me la regione canadese più misteriosa. Ci hai pensato?

    1. Ciao Alberto, sono felice che il libro ti sia piaciuto. Sì, il Nunavut è una regione credo molto autentica… A me piacerebbe molto e prima o poi non è detto che non ci vada, così come il parco del Torngat, molto inaccessibile e selvaggio. Ma anche alcune isole verso la baia di Baffin possono essere teatro di bei viaggi particolari, attraversandole in tenda… Il Canada è molto grande e ci si potrebbe viaggiare tante volte!

  4. Buon giorno, il libro è in qualche modo una guida oppure un solo diario del viaggio in Canada? Le tappe quali sono? Quanta parte del libro è dedicato al Canada. Grazie per una risposta, sto organizzando il mio viaggio nel grande nord americano. Sono alla ricerca di tutte le informazioni possibili, in particolare per farlo in modo indipendente con un mezzo a nolo.

    1. Buongiorno, il libro sono gli appunti di viaggio di tutti i paesi artici (e quasi artici). Non è inteso come una guida con le informazioni pratiche ma più la storia di quello che è successo giorno dopo giorno. Le tappe del capitolo sul Canada partono dal British Columbia, più precisamente Prince George, poi verso nord sulla Cassiar Highway, che per me è di gran lunga più interessante della Alaska Highway. Sono salito verso nord, con piccole deviazioni, fino a Whitehorse e poi continuando fino alla Demspter Highway, percorsa avanti e indietro. Di ritorno a Dawson City, ho preferito sconfinare in Alaska per non fare la stessa strada dell’andata, così ho percorso la “Top of the World” highway, arrivato a Chicken, e poi tutto il giro fino a rientrare in Canada dal Kluane National Park. Ritorno verso il British Columbia dalla Alaska Highway, anche qui con un paio di deviazioni.
      Marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.