Libro di viaggio in Kamchatka

libro di viaggio in kamchatka

Il mio libro di viaggio sul grande nord. La Kamchtaka è teatro di uno del capitoli, insieme a Groenlandia, Canada, Islanda, Isole Faroe, Scozia, Lapponia e Norvegia.

Avevo pensato di scrivere un libro solo sul viaggio in Kamchatka. Ma chi ci va in viaggio? Pochi, quasi nessuno. Eppure, se non fosse per la logistica un po’ complicata, quella penisola nella Siberia orientale, affacciata sul mare di Bearing, su una tremenda linea di vulcani e movimenti delle faglie, è una delle terre più selvagge del grande nord.

Intere zone della Kamchatka sono tuttora completamente disabitate. Oltre a Petropavlovsk, lo strano agglomerato urbano in stile sovietico, ci sono solo villaggi per lo più di etnie indigene, e alcuni russi finiti lì non si sa bene perché. Ma è la natura che impressiona: ci sono circa trecento vulcani, di cui diverse decine attivi. Intorno a essi, i paesaggi sono marziani: distese di lava fino all’orizzonte, foreste pietrificate, colate ancora calde, canyon dove la vegetazione non è ancora ricresciuta dopo l’ultima eruzione. In acluni punti, basta conficcare un legno pochi centimetri sotto il terreno per trovarli in fiamme.

I fiumi scorrono in vallate incontaminate. Passeggi sulla riva e trovi impronte di orsi. Prima del letargo, gli orsi convergono al lago Kuril, oppure sui fiumi. Sono sceso per alcuni giorni in gommone sul fiume, quando a un tratto, sulla sponda opposta, una famigliola era a caccia di salmone. È il momento giusto per un incontro ravvicinato, perché tu sei l’ultimo loro pensiero.

Intanto piove. La Kamchatka è una delle lande più disgraziate sul pianeta. Non solo per eruzioni e terremoti, ma anche per la sua pioggia. Il cielo azzurro dura poche ore, poi arrivano nuvole dall’oceano, oppure dalle lande nordiche della Siberia. Coprono tutto in fretta e scaricano scrosci d’acqua sui vulcani e sui fiumi, sugli orsi e sui geysers. In inverno invece un sottile strato di neve o ghiaccio copre tutto. Bisogna essere pronti a sopportare quel clima inclemente, quella pioggia che torna continuamente, o quel freddo che non lascia mai spazio alla primavera. Ma al di là di questo, Kamchatka fa rima con avventura. Come pochi altri paesi della Terra.

Il libro è edito dalla casa editrice Polaris: https://www.polariseditore.it/prodotto/racconti-dal-grande-nord/

Kamchatka: Libri e guide di viaggio

Non esiste narrativa di viaggio sulla Kamchatka, almeno in italiano. A dire il vero c’è un libro, dal titolo proprio Kamchatka, ma parla di una storia sudamericana, e della Kamchatka porta solo uno strano titolo.

libro di viaggio in kamchatka

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.